Azienda per i Servizi Sanitari n°1 - Triestina | Regione Friuli Venezia Giulia
salta il menù di navigazione  ASS1 Azienda per i Servizi Sanitari n 1 - Triestina | Regione Friuli Venezia Giulia HPH
Guida utile a  b  c  d  e  f  g  h  i  l  m  n  o  p  q  r  s  t  u  v  z  Come usare la guida
Sei in: Home page » Guida utile » Scheda

Guida utile

FUMO (PROGETTO: LOCALI PUBBLICI LIBERI DAL FUMO, IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE 3/2003)

Il progetto si propone di intervenire sul problema del fumo passivo di tabacco (ETS, Environmental Tobacco Smoke) presso i locali pubblici, considerati sia come luogo di aggregazione sia come luoghi di lavoro.
In Friuli Venezia Giulia fuma il 22% della popolazione di etą maggiore uguale a 15 anni ed un terzo degli adulti č esposto a ETS (dati ISTAT).
L'11% dei bambini nel secondo anno di vita č esposto abitualmente al fumo passivo in ambienti extra domestici (Indagine ICONA 2003). Il 15% dei decessi č attribuibile alle patologie correlate al fumo attivo (Sistema Informativo Sanitario Regionale).
Il Piano Sanitario Nazionale 2003-2005 ha riconosciuto nel fumo di tabacco (attivo e passivo) la principale causa di morbositą e mortalitą prevenibile.
La legge 3/2003, che introduce il divieto di fumo nei locali chiusi, č entrata in vigore nel gennaio 2005, ad un anno dalla pubblicazione del regolamento (Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29/12/2003) che disciplina i locali per fumatori al fine espresso di consentire in questo lasso di tempo un'adeguata attivitą di informazione e sensibilizzazione.
La Regione Friuli Venezia Giulia ha gią dimostrato il suo interesse per tale problema decidendo tra l'altro la sua partecipazione al Coordinamento tecnico delle Regioni sul Tabagismo, voluto dai Presidenti delle Regioni. Tale organismo, con numerose riunioni, č stato uno dei principali artefici nello studio dei Regolamenti citati.

L'Azienda per i Servizi Sanitari n. 1 Triestina ha come compito istituzionale la promozione della salute ed ha concretamente dimostrato il suo interesse, tra le altre iniziative, attivando il Progetto Interdipartimentale Azienda Sanitaria Libera dal fumo.

Azioni di sanitą pubblica di comprovata efficacia
L'imposizione di divieti o di limitazioni nei luoghi di lavoro e in luoghi pubblici si č dimostrata una strategia altamente efficace nel:
- ridurre l'esposizione al fumo sul luogo di lavoro
- diminuire l'uso del tabacco nei fumatori abituali
- aumentare il numero di coloro che smettono di fumare

La legge 3/2003 (art. 51) dispone il divieto di fumo nei locali chiusi, segnatamente negli esercizi pubblici e nei luoghi di lavoro.
L'applicazione di tale legge richiede un'adeguata informazione e sensibilizzazione sia degli esercenti dei locali pubblici sia dell'utenza. Fornisce in particolare l'occasione di attivitą informative in contesti di aggregazione (i locali pubblici) e di campagne di educazione sanitaria a lungo termine. Queste sono riconosciute di provata efficacia (e quindi fortemente raccomandate) nel ridurre il consumo di tabacco a livello di popolazione, qualora integrate all'interno di programmi multifattoriali.

Le azioni adottate sul territorio di competenza dell'ASS 1 Triestina sono state quindi:
- l'intervento informativo a livello di esercizi pubblici in applicazione della legge
- l'intervento informativo tramite mass media e specifici opuscoli
- il collegamento con le attivitą correnti di educazione sanitaria nella scuola
- l'utilizzo di messaggi a breve termine (ripetuti ciclicamente) connessi a concorsi del tipo "Smetti e vinci"

Obiettivo
Ridurre l'esposizione a ETS per pubblico e lavoratori degli esercizi di ristorazione e di somministrazione di alimenti e bevande della provincia di Trieste (pari a circa 1000 esercizi) entro dicembre 2005, favorendo l'applicazione della legge 3/2003 mediante campagne informative rivolte ad esercenti ed utenti, valutando la situazione dell'inquinamento mediante rilievi ambientali e clinici prima (nel 2004) e dopo (nel 2005) l'entrata in vigore della legge.
L'attivitą č stata svolta da personale dell'ASS (Dipartimento di Prevenzione e del Dipartimento delle Dipendenze) e della Camera di Commercio e si č conclusa nel dicembre del 2005.

Azioni
1. Ideazione, produzione e diffusione di materiale informativo rivolto ai titolari degli esercizi target
2. Ideazione produzione e diffusione di materiale informativo rivolto all'utenza degli esercizi target
3. Gestione di un programma educativo sotto forma di concorso ("Smetti e vinci") rivolto all'utenza degli esercizi disponibili
4. Valutazione dell'inquinamento indoor da polveri sottili (PM2,5 e PM10)
5. Valutazione del monossido di carbonio (CO) espirato in un campione di lavoratori degli esercizi target prima e dopo l'applicazione della legge

Inizio e fine del programma
Il programma č iniziato a gennaio 2004 ed ha avuto durata biennale, fino a dicembre 2005.

Personale e strutture coinvolte
Le strutture aziendali coinvolte sono il Dipartimento delle Dipendenze ed il Dipartimento di Prevenzione, con quattro medici (un esperto in tabagismo, un medico del lavoro, un epidemiologo ed un igienista), un'assistente sanitaria ed una biologa. Il progetto ha coinvolto anche la Confcommercio di Trieste e la Federazione Italiana Pubblici Esercizi - sezione di Trieste.

Sistema di controllo:
Il sistema di controllo del progetto prevede:
1. indicatori di attivitą: azioni svolte come da programma nei tempi stabiliti
2. indicatori di risultati attesi (persone raggiunte dall'informazione/persone da informare
3. indicatori di effetto (livello di polveri sottili nell'aria ambientale e livello di monossido di carbonio nell'aria espirata)

Vedi anche:



Ultima modifica effettuata il 20/10/2010 alle ore 15:38:47

                                          Valid CSS!    Valid HTML 4.01!