Ufficio Convenzioni Internazionali - Distretto 4

Autorizzazione preventiva per l'invio in cure all'estero - ricezione delle domande

descrizione:

Se si ha bisogno di cure, che non sono tempestivamente o adeguatamente ottenibili in Italia, per mancanza di strutture specifiche o in presenza di lunghe liste di attesa, è possibile richiedere l’autorizzazione preventiva per recarsi in centri di cura di elevata specializzazione di paesi dell’Unione Europea., extra UE o convenzionati, in strutture pubbliche o private (convenzionate e non).

 

L’AAS1 riceve, esamina e raccoglie le domande, presentate dalle persone residenti nel proprio territorio di competenza,  da sottoporre successivamente alla competente Commissione regionale per l’autorizzazione preventiva al trasferimento all’estero.

 

In caso di accoglimento della richiesta da parte della Commissione regionale:

  • per centro di cura in un paese convenzionato con l'Italia vengono rilasciati i seguenti modelli:
    per il Principato di Monaco – Modello I/MC–9
    per la Repubblica di San Marino – Modello I/SMAR-8bis
    per Capoverde – Modello 112
    per Serbia, Montenegro, Bosnia – Erzegovina, Macedonia – Modello 8
  • per centro di cura in Paese UE è in corso di adozione il  Modello S2 (nuovi Regolamenti UE 883/2004-987/2009) (vedi Circolare Ministero della Salute n.12647/1.3.b del 20 luglio 2010 – Documenti portabili e SEDs)
  • per centro di cura in paese non convenzionato con l’Italia, l’assistenza è indiretta, cioè si potrà godere o di un anticipazione delle spese oppure di un parziale rimborso delle spese sostenute, al rientro in Italia.

riferimenti normativi:

D.M. 3.11.1989 e s.m. e i.

D.M. 24.1.1990 e D.M. 30.8.1991(Elenco delle patologie).

Circolare Ministero della Salute dd.12.12.1989, n. 33.

D.M. 31.3.2008.

modalità avvio:

Su richiesta dell'interessato

 

Le domande possono essere presentate dagli assistiti residenti nel territorio dell’AAS1

Termini:

30 giorni dall’acquisizione del parere della Commissione Regionale, che di norma si riunisce con cadenza mensile, per l’invio all’istante del parere.

Responsabile del procedimento:
Responsabile della Struttura Semplice Cure Ambulatoriali e Domiciliari del Distretto 4 in qualità di componente sostituto della Commissione Regionale, designato dalla Direzione Sanitaria aziendale: dott.a Teresa Benazzi.

Responsabile adozione:
Centro Regionale di Riferimento costituito dalla Commissione Regionale per l’assistenza sanitaria all’estero per particolari esigenze diagnostiche –terapeutiche, istituita con D.G.R. n. 3349/93, n. 1345/95 e n. 2306/97.

Documenti necessari:

  • la richiesta con l'indicazione del luogo di cura prescelto all'estero
  • la proposta, adeguatamente motivata, di un medico specialista di una struttura sanitaria pubblica o privato (libero professionista); la     proposta deve contenere dettagliatamente tutte le motivazioni per cui si richiede l'invio in cura all'estero
  • richiesta con l’indicazione del luogo di cure prescelto all’estero;
  • proposta, adeguatamente motivata, di un medico specialista di una struttura sanitaria pubblica o privata;
  • tutta la documentazione clinica in possesso;
  • eventuale indicazione sulla necessità di un accompagnatore;
  • tessera sanitaria;
  • autocertificazione del codice fiscale (vedi “Modulistica”);
  • documento d’identità in corso di validità

Inoltre in caso di cure presso un centro in paese non convenzionato con l’Italia, vanno presentati i seguenti documenti, che devono essere legalmente tradotti:

per anticipazione spese:

  • preventivo spese
  • certificazione consolare sulla natura della struttura ospedaliera estera e sulla congruità dei costi, in virtù del Decreto del Ministero Sanità 03.11.1989, art. 6 e 7 (Deroghe).

per rimborso parziale:

  • la documentazione che dimostra il pagamento delle spese.
  • la documentazione clinica

Ulteriori informazioni per casi specifici

Cure programmate presso Centri di elevata specializzazione all'estero in:

Normativa di riferimento

 Documentazione da presentare per cure di neuro riabilitazione per i portatori di handicap presso Centri di elevata specializzazione all'estero in:

Cure programmate presso Centri di elevata specializzazione all'estero per trapianto di organi all'estero, iscrizione in liste estere d'attesa, trapianto urgente e richieste d'interventi urgenti post trapianto, proseguimento delle cure, re-trapianto d'organo, trapianto da donatore vivente, a carico del Servizio Sanitario Nazionale in:

ultima modifica: 21 luglio 2015 Eventi della vita Commenti / Suggerimenti
Questo contenuto si riferisce a questi eventi della vita:

Curarsi