Testimonianza

ASS 1 - SERVIZIO CIVILE

Ogni giorno al lavoro per essere d'aiuto: parla una volontaria

Ecco, nella testimonianza di Irene Del Gaudio, volontaria nella Microarea di Giarizzole, cosa può significare per un giovane quest'esperienza. 

Sono passati più di sei mesi dal giorno in cui mi sono "arruolata" e sono stata inserita nel progetto Microaree. Sei ore, dal lunedì al venerdì, primo piano di Piazzale Giarizzole 13. Non mi era ben chiaro cos'avrei fatto. Poi ho iniziato a incontrare le persone che frequentano la Microarea.
Si risponde al telefono, si ricevono i fax con i ricoveri per sapere dove e chi andare a trovare, si fanno le riunioni: tutti gli operatori di tutte le Microaree per fare il punto della situazione, esporre problemi ed iniziative. Si parla, si ascolta, ci si scontra mentre i visi diventano sempre più familiari, come i problemi delle persone. Ogni giorno si fa qualcosa per sostenere. Si va a casa di chi non può uscire per un saluto o per un come stai. Il martedì e il giovedì c'è la ginnastica dolce. Si pensano cose per stare bene. Il venerdì si prende il pulmino e si fa una gita, una passeggiata. Si cerca di esaudire, come i sogni: un pranzo insieme per chi è solo, una passeggiata per chi cammina male o non saprebbe da chi farsi accompagnare. Si va alle sagre, alle osmize. Tutti insieme. A Pasqua eravamo in cento. Tutto il Distretto 3, operatori e cittadini, in un'atmosfera di festa. Poi la pedalata, realizzata grazie alla disponibilità di tanti. È dall'inizio che mi sento chiedere cosa sia una Microarea, cosa voglia dire essere volontario. Ho descritto perché penso che solo dalle cose concrete, dai fatti si possa intuire. È qualcosa che cresce, vive, cambia, che ogni giorno è diversa e perciò non è possibile definirla solo attraverso qualche concetto. Essere volontario significa avere a che fare, entrare in contatto, a fianco delle vite, dentro l'Azienda, nei suoi sistemi, capire cosa sono e come funzionano. Significa migliorarla, perché dopo un po' ti senti parte di un insieme e fai qualcosa d'attivo, perché quando vedi che con il tuo lavoro le persone che incontri stanno meno male e sono anche un po' felici a te viene voglia di continuare a fare, a pensare, a proporre: perché anche se non cambi tanto, almeno qualcosa la migliori.

torna su
ultima modifica: 13 marzo 2017 Commenti / Suggerimenti